......attendi qualche secondo

Una rete di  agevolazioni

Inserisci su Google

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
ai.marketing
Bonus 110%
Cessione del quinto
Finanziamenti agricoltura
Finanziamenti Impresa
Fisco
fondo salva casa
Guadagno e offerte on-line
Mutui
news
Norme Tributi
Nostri servizi
Prestiti Personali
Sovraindebitamento
test
Video

Bonus INPS 2400 euro: cos’è e a chi spetta?

Bonus INPS 2400: Cosa ha previsto il Decreto Sostegni in tema di bonus ed incentivi? Adiamo ad analizzare una delle principali forme di sussidio previste dal Governo Draghi.

In vigore dal 23 marzo 2021 il cd. decreto Sostegni, cioè il D.L. 22 marzo 2021, n. 41, l’atteso decreto legge del Governo Draghi, ha previsto nuove misure urgenti in materia di sostegno alle imprese.

Il provvedimento ha introdotto una forma di incentivo che va a sostituirsi ad altri erogati in precedenza. Infatti lavoratori che negli scorsi mesi sono stati beneficiari dell’aiuto economico contemplato dal DL Ristori.

Con il nuovo intervento, invece, si è inteso introdurre un assegno omnicomprensivo, il c.d. Bonus INPS 2400 euro. L’INPS provvederà a erogare automaticamente il predetto, in sostituzione degli incentivi introdotti con i passati provvedimenti.

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Vediamo cosa c’è da sapere.

Bonus-INPS

Cos’è il bonus INSP 2400?

Il Decreto Legge del Governo Draghi, ha previsto per i beneficiari del decreto ristori ter, un ulteriore bonus di 2400 euro, per fronteggiare la crisi del settore di determinate categorie di lavoratori, ormai bloccati, a causa dell’emergenza pandemica.

In questo caso è stato previsto un sussidio una tantum da erogare ai cittadini fortemente compromessi dalla crisi economica conseguente l’emergenza sanitaria. In particolare in questa occasione il legislatore ha cercato di favorire quelle categorie che meno sono state sostenute dai precedenti provvedimenti.

Invero, il provvedimento ha in parte esteso la platea dei beneficiari. Ad esempio i lavoratori somministrati in settori diversi dal turismo potranno accedere al sussidio, anche ai lavoratori dello spettacolo abbiamo un reddito complessivo  da 50.000 a 75.000 euro.

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Aventi diritto al Bonus INPS 2400 euro

Come poc’anzi enunciato, il bonus INPS 2400 euro è prevalentemente rivolto a coloro che hanno maggiormente subito gli effetti della crisi economica, conseguente l’emergenza sanitaria. In particolare questo è rivolto a quelle categorie che hanno potuto usufruire solo marginalmente dei sussidi previsti dai precedenti decreti ristori.

L’articolo 10 del decreto-legge 22 marzo 2021, numero 41, ha precisato tutti i dettagli in merito alle categorie di lavoratori italiani che sono considerate idonei all’ottenimento del riconoscimento del bonus INPS una tantum dal valore di 2.400 euro, previsto in seguito all’approvazione del Decreto Sostegni.

In sede di approvazione, sono state anche puntualizzate ulteriori categorie a cui sarà esteso il bonus.

Lavoratori stagionali

Il Decreto sostegni ha espressamente previsto tra le categorie beneficiarie del Bonus INPS 2400 euro ai lavoratori stagionali. Questi, con le chiusure delle strutture, soprattutto invernali, sono stati messi a dura prova dall’emergenza pandemica.

Possono accedere all’incentivo coloro che

  • hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro (non per dimissioni volontarie) nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019
  • alla data di entrata in vigore del presente decreto, che abbiano svolto la prestazione lavorativa, per almeno trenta giornate nello stesso periodo;
  • non devono essere titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di disoccupazione naspi alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Lavoratori autonomi privi di partita IVA

Il bonus in questione è stato esteso anche ai lavoratori autonomi privi di partita IVA, ove:

  • non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie,
  • nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del presente decreto, siano stati titolari di contratti autonomi occasionali riconducibili alle disposizioni di cui all’articolo 2222 del codice civile
  • non abbiano un contratto in essere il giorno successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto;
  • devono essere già iscritti alla data di entrata in vigore del presente decreto alla Gestione separata INPS, con accredito nello stesso arco temporale, di almeno un contributo mensile;

Lavoratori dello spettacolo

Il Decreto Sostegni prevede l’erogazione del presente bonus anche ai lavoratori dello spettacolo. Questi ultimi sono appartengono ad una delle categorie più svantaggiate dalla presente crisi economica.

La pandemia da Covid-19 ha infatti imposto la chiusura di cinema e teatri. Da oltre un anno ogni spettacolo musicale e artistico è soggetto a sospensione, in tal modo pregiudicando l’economia dell’intero settore, a discapito, soprattutto, degli operatori tecnici.

Possono accedere al sussidio i lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo:

  • con almeno trenta contributi giornalieri versati dal 1° gennaio 2019,
  • alla data di entrata in vigore del presente decreto al medesimo Fondo, cui deriva un reddito non superiore a 75.000 euro;
  • non devono essere titolari di pensione, né di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, diverso dal contratto intermittente di cui agli articoli 13, 14, 15, 17 e 18 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, senza corresponsione dell’indennità di disponibilità di cui all’articolo 16 del medesimo decreto.

Altri soggetti aventi diritto

Tra gli altri soggetti aventi diritto rientrano anche:

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

  • intermittenti;
  • autonomi occasionali;
  • incaricati alle vendite a domicilio;
  • a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali;
  • in somministrazione presso aziende utilizzatrici appartenenti a settori diversi da quelli del turismo.

Come si accede al Bonus INPS 2400 euro

Per quanto riguarda, invece, le modalità di accesso al Bonus INPS 2400 euro, chi ha già presentato domanda e ha già ottenuto il bonus 1.000 del Decreto Ristori deve solo aspettare il pagamento automatico.

Mentre per chi non ha ricevuto l’indennità perché non rientrava nella platea delineata precedentemente o perché, semplicemente, non si è attivato nel 2020 può inoltrare domanda, esclusivamente in via telematica, entro la scadenza del 30 aprile 2021.

Avviso importante:
Fiscomania.com ha raccolto, con ragionevole cura, le informazioni contenute in questo sito. Il materiale offerto è destinato ai lettori, solo a scopo informativo. Quanto letto non può in nessun caso sostituire una adeguata consulenza o parere professionale che rimane indispensabile. Si prega di leggere i nostri Termini e condizioni e l’informativa sulla privacy prima di utilizzare il sito. Tutto il materiale è soggetto alle leggi sul copyright. Fiscomania.com non accetta alcuna responsabilità in relazione all’utilizzo di tale pubblicazione senza la collaborazione dei suoi professionisti.

Source

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: